La Festa di Sant’Agata protagonista a Milano

Scritto da -
0

riuscire nell’impresa è il catanese Luca Condorelli, in arte “LucaWario”, giovane fotografo e video-maker che è riuscito a portare un po’ di Catania – e la sua festa più sentita, quella appunto in onore della Santa Patrona – all’interno della manifestazione Arte in Sarpi, che in questi giorni si sta svolgendo a Milano. Una mostra collettiva di 90 giovani artisti che per 15 giorni (fino al 18 maggio) esporranno le proprie opere tra spazi interni ed esterni, tra negozi e boutique storiche della via Paolo Sarpi e delle strade limitrofe. Una zona di Milano che mantiene la sua identità storica e culturale, nonostante le contaminazioni, ma caratterizzata anche da una forte voglia di creatività, con agenzie pubblicitarie e case di produzione. E la creatività è la prima forza di Luca Condorelli, che ha portato Sant’Agata, non il simulacro ma la tre giorni di festa, ad Arte in Sarpi. Al giovane catanese inoltre gli organizzatori hanno anche affidato il compito di inaugurare la rassegna, scegliendo il suo video per la presentazione dell’evento.

Classe 1991, Condorelli ha deciso di incentrare la sua installazione su Sant’Aituzza, “per ricreare – racconta – l’ambiente magico e religioso che avvolge la città dal 3 al 5 febbraio”. “Non un reportage completo della festa, dunque, ma suoni e immagini dei veri protagonisti: i cittadini”, spiega Luca che ha cominciato a fare arte nella scena underground catanese degli anni zero. “Sant’Agata e la processione sono riprese dall’alto, dal balcone della casa della nonna, dove sin da bambino ho cominciato a conoscere ed apprezzare la festa – continua Luca – Ho guardato la città viva di notte, popolata da persone vestite di bianco e illuminata da candele come in un grande spettacolo messo in scena dalla gente. L’opera è una sorta di ‘non luogo’, dal quale lo spettatore uscirà emozionato e curioso di provare sulla propria pelle le medesime sensazioni”. La video installazione articolata in immagini, video e suoni che si intrecciano in un ambiente sotterraneo rimarrà in mostra ad Arte in Sarpi fino al 18 maggio.

Luca Condorelli inizia il suo percorso artistico da giovanissimo nella sua città natale, entrando a far parte della scena artistica underground catanese. In quegli anni frequenta l’Istituto d’Arte di Catania dove scopre l’interesse e la forte inclinazione per la fotografia. Concluso il percorso di studi con il conseguimento del diploma in grafica pubblicitaria e fotografia, nel novembre del 2010 si trasferisce a Milano con l’intento di arricchire la sua formazione. Frequenta corsi di cinema e fotografia. Nel 2011/12 viene ammesso all’Accademia Teatro alla Scala di Milano al corso per fotografo di scena e al corso per operatore video “Digit-ars”. La giovane età e la capacità di sperimentare tecniche artistiche e fotografiche gli consentono di esprimere in modo originale la propria creatività e poliedricità nelle sue opere.

Non ci sono commenti

Scrivi qui il tuo commento